Aprire un pastificio con i contributi della Regione Lazio

Aprire un pastificio con i contributi della Regione LazioDopo la tempesta del Coronaviris, arriverà il “Sereno”.

Nei primi giorni del coronavirus tutti abbiamo avuto paura, tutti tappati in casa, tutti a pensare a quello che stava succedendo, ma soprattutto a quello che poteva succedere in futuro.

Oggi questo atteggiamento è già cambiato. Si comincia a capire che questo virus, oltre a fare morti e a creare disagi enormi, sta anche colpendo pesantemente l’economia. In termini più chiari, credo che già oggi l’intera Europa sia di fatto in recessione. E vi resterà per almeno sei mesi. Nella speranza che il virus a primavera se ne vada.ì

Aprire un pastificio con i contributi della Regione LazioSiamo quindi senza speranze? No. Prima o poi il virus verrà debellato e a quel punto il mondo riprenderà a respirare. Anzi, quasi certamente ci sarà un grosso boom. Un po’ perché ci saranno scorte da ricostituire e soprattutto perché la gente riprenderà il gusto di viaggiare, di cambiare auto e mobili.

Insomma, di far circolare i soldi. Chi l’aveva perso riavrà un lavoro, e uno stipendio. Le Borse riprenderanno a volare, al punto da recuperare in pochi giorni quel 40-50 per cento che stanno perdendo.

Aprire un pastificio con i contributi della Regione LazioNon ci possono essere molti dubbi: in fondo al tunnel del virus c’è un nuovo boom. L’unico, grandissimo, problema consiste nel riuscire a liberarci del virus. Di fatto la nostra salute e la nostra sopravvivenza sono nelle mani degli scienziati che stanno cercando il vaccino giusto.

Aprire un pastificio con i contributi della Regione Lazio

Oggi grazie ai finanziamenti e contributi statali e regionali, possiamo accedere ai fondi messi a disposizione, per ridare linfa alla nostra impresa, piccola o grande che sia.

Aprire un pastificio artigianale di pasta fresca, pasta secca, pasta biologica o senza glutine per celiaci, cioè un’attività di produzione e di vendita di pasta all’uovo e ripiena prodotta artigianalmente è un’iniziativa di sicuro interesse. Con i contributi a fondo perduto della Regione Lazio sarà ancora più semplice.

I supermercati e gli ipermercati stanno diventando concorrenti sempre più temibili dei comuni negozi di pasta fresca, quindi quelli che si specializzano nella produzione artigianale come pasticcerie, gelaterie, rosticcerie e negozi di pasta fresca, appunto, continuano a fare affari, trovando nel prodotto genuino la loro forza commerciale.

Aprire un pastificio con i contributi della Regione LazioIl business della pasta fresca negli ultimi anni è in continua crescita, ciò è dovuto soprattutto alla maggiore attenzione verso un’alimentazione sana e alla ricerca di piatti tradizionali e caserecci.

Per sviluppare questo tipo di attività è quindi necessario coccolare i clienti con prodotti di qualità, di nicchia, che stuzzichino il palato del cliente ma, soprattutto vadano incontro alle sue esigenze.

Cosa aspetti, consulta il sito della Regione Lazio “Vitamina G” per vedere se hai i requisiti per accedere ai contributi a fondo perduto. Noi aspettiamo la tua richiesta per proporti la migliore soluzione alla tua idea.

___________________________________________________________

Avatar

Pama Parsi Macchine

Da oltre 60 anni progettiamo e costruiamo macchine ed impianti per pasta fresca, secca e senza glutine.

I commenti sono chiusi.